×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

 
 
Jason&Becky a S. Alvise: la nuova residenza d'artista alla Casa dell'Ospitalità.
 
 
La Gagiandra ha collaborato anche alla residenza d'artista 2016 Casa dell'Ospitalità di S.Alvise, a Venezia.
 
Promossa assieme alla galleria d'arte contemporanea Mission Gallery di Swansea (Wales), la residenza di quest'anno ha avuto come protagonisti Jason&Becky, nome d'arte di una coppia di giovani artisti, Jason Cartwright e Rebecca Williams, che hanno vissuto - ospiti tra gli Ospiti - un mese nella sede veneziana della Fondazione.
 
Jason&Becky, nel loro lavoro artistico, si concentrano su quanto e in quali modi le condizioni politiche, economiche e sociali incidono e condizionano l'esistenza degli individui.
Propongono performance coinvolgenti, azioni collettive nelle quali si annulla volutamente il confine tra artista e pubblico, per stimolare la riflessione sulla consapevolezza e sulla comprensione dei luoghi e tra le persone.
 
A Venezia hanno proposto, e realizzato, una mappa emozionale della città. In cosa consiste? Lo spiegano meglio le immagini che trovate sulla pagina fb della residenza.
 
Il risultato del processo creativo che Jason e Becky hanno generato e condiviso con gli ospiti della sede di S. Alvise e con le molte persone che hanno incontrato si concretizzerà in una installazione visiva e sonora, Città di Campi, che verrà presentata giovedì 4 agosto al Teatro Groggia di S. Alvise. L'appuntamento è per le 18.
 
Quella di Venezia è la prima tappa internazionale di CIVIC, progetto che si è sviluppato tra Swansea e Cardiff tra il 2013 e il 2014, con la prima mostra che Mission Gallery ha organizzato.
L'obiettivo di CIVIC consiste nell'investigare lo spazio urbano e tentarne una ridefinizione creativa ma in grado di preservarne l'uso pubblico e condiviso. A tale scopo CIVIC coinvolge gruppi eterogenei, composti da architetti, artisti e scrittori. Occhi “diversi” per leggere meglio il presente e meglio immaginarne un futuro possibile.